Sicilia 2017, diritti e laicità: chi risponde e chi no

Il 10 ottobre scorso il Coordinamento Sicilia dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (UAAR) ha posto pubblicamente 6 domande su diritti e laicità ai candidati in corsa per la Presidenza della Regione.
Di questi finora ha risposto solo uno, che ringraziamo per questo atto di rispetto verso l’elettorato, nonostante l’evasività della replica affidata al segretario del suo Movimento, trinceratosi dietro una presunta estraneità alle competenze regionali delle questioni poste, in realtà al contrario molto pertinenti. Un altro candidato ci aveva dato appuntamento per il 19 ottobre ma lo ha poi disdetto rinviando a data ancora da specificare, mentre attivisti vicini a Claudio Fava ci hanno comunicato che l’indirizzo email a cui avevamo sottoposto il documento non è più in funzione e che si è ora provveduto ad un corretto recapito. Nessuna notizia ad oggi degli altri due contendenti, anche se un’aspirante deputata regionale del M5S si è sbilanciata ad argomentare che, visti i rapporti di forze, a Cancelleri non converrebbe esporsi su temi controversi, rischiando il suo principale vantaggio competitivo che è la “trasversalità (non) ideologica”.

E sono proprio alcuni candidati all’ARS, nonostante le domande non fossero loro direttamente indirizzate, a prendere il toro per le corna e, con ammirevole coraggio, farsi avanti. Abbiamo quindi deciso di pubblicare anche i loro contributi, finora articolati ed interessanti. Ne terremo aggiornato l’elenco in questa pagina.

Candidati Presidenza
Candidati ARS

Spargi il verbo!

    3 pensieri su “Sicilia 2017, diritti e laicità: chi risponde e chi no”

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *