UAAR verso il Palermo Pride

Come già l’anno scorso, anche quest’anno il Circolo UAAR di Palermo è una delle colonne portanti del Palermo Pride, già entrato nel vivo con numerose iniziative culturali che culmineranno tra il 28 giugno e il 2 luglio con village e parata.

Il “nostro” calendario prevede:

Siateci, in corpo e corpo 🙂

Riunione martedì 6 giugno

Martedì prossimo 6 giugno alle ore 21 ci riuniremo presso la nostra sede di via Matteo Bonello 39 (dietro la cattedrale), per discutere:

Vista l’importanza dei temi trattati ecc. ecc.

[Evento Facebook]

Adeste infideles!

Biotestamento in via Cavour!

Il Circolo UAAR di Palermo aderisce alla mobilitazione nazionale per sollecitare il Senato a discutere in tempi brevi la legge sul testamento biologico già approvata alla Camera.

OGGI POMERIGGIO 13 maggio dalle 17 alle 20 in via Cavour 133, davanti a La Feltrinelli Palermo, ci troverete insieme ad Associazione Luca Coscioni e ai Pastafariani dell’Area Metropolitana di Palermo.

Partecipate, condividete l’evento e sostenete questa importante richiesta per il diritto alla libertà di scegliere!

Riunione lunedì 8 maggio

Lunedì prossimo 8 maggio alle ore 20 ci riuniremo presso la nostra sede di via Matteo Bonello 39 (dietro la cattedrale), per discutere:

  • resoconto delle nostre iniziative di aprile (“L’ORA di RELIGIONI e FILOSOFIE”, “A corpo libero – Sia fatta la mia volontà”, “Biotestamento in piazza”, “La via dei librai”);
  • programmazione (“Biotestamento in piazza – la vendetta”, “Una marina di libri”, “Palermo Pride”);
  • quant’altro ci venga in mente, tempo permettendo.

Adeste, infideles!

[Evento Facebook]

Traduzioni infedeli: tradurre la laicità a La Via dei Librai

Sabato 22 aprile alle ore 19 presso l’Isola Pirandello, in via Collegio Giusino, accanto la Biblioteca Regionale e di fronte la chiesa del S. Salvatore, Oscar Cavagnini, traduttore per l’editrice Nessun Dogma dei saggi La visione laica del mondo, Ateismo ragionevole, O scienza o religione e Credere alle cazzate, discute col giornalista Giovanni Di Marco la propria esperienza: un osservatorio privilegiato sulle analogie e le differenze culturali e sociali tra i paesi anglosassoni e l’Italia per quanto concerne la laicità, il libero pensiero, il ruolo pubblico delle credenze religiose ed il loro rapporto con il pensiero scientifico. [Evento Facebook]

Nel 2016 La Direzione generale Biblioteche e Istituti culturali del Ministero dei Beni Culturali ha insignito Nessun Dogma del Premio speciale per la traduzione «per l’alto livello qualitativo delle traduzioni, all’insegna della diffusione in Italia della cultura laica».

Nessun Dogma, il progetto editoriale dell’UAAR Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti è rappresentata dal 22 al 23 aprile con il suo intero catalogo ne La Via dei Librai, in corso Vittorio Emanuele a Palermo.

Tanta Pasqua (a volte troppa)

A me non dà fastidio che in questi giorni mi si rivolgano centinaia di “Buona Pasqua” (anche se iniziare e concludere già da 3-4 giorni prima tutte le trasmissioni televisive e radiofoniche col mantra di rito mi è parso, quest’anno, francamente stucchevole).
Quello che trovo irritante, inappropriato e disdicevole è che istituzioni dello Stato Laico (come il Prefetto di Ragusa) o associazioni che nello statuto si dichiarano apolitiche e aconfessionali (come l’Avis Comunale Palermo) impieghino tempo e denaro (nel primo caso forse anche il mio) per inviare urbi et orbi bigliettini di auguri in cui l’antica festività di primavera viene chiamata “Santa”.
O che la maestra prevalente di mia figlia, nella cui classe ella sa benissimo esserci due bambin* non avvalentesi dell’Insegnamento della Religione Cattolica e uno di famiglia induista, e quindi sincretista, e solo perciò avvalentesi, e alla quale già all’inizio dell’anno ero stato costretto a spiegare le ragioni per cui non deve iniziare le lezioni con la preghierina, apra la sua lezioncina pre-pasquale con un solenne “Per cominciare, noi siamo cristiani”.
“No papà, non le ho detto ‘tranne me’ perché mi sono vergognata”.
Ecco, che lo Scuola Statale impartisca lezioni pratiche di discriminazione fin dalla prima elementare proprio non posso sopportarlo.
E buona Pasqua a tutte e a tutti.

Giorgio Maone, papà e Coordinatore del Circolo UAAR di Palermo

La propaganda “ad divinitatem” dell’Università di Palermo

Da: Segreteria Cerimoniale <segreteria.cerimoniale@unipa.it>
Data: 10 apr 2017 16:10
Oggetto: Santa Messa di Pasqua – Aula Magna “Vincenzo Li Donni” – Edificio 13, Campus Universitario in Viale delle Scienze – Martedì 11 Aprile 2017 – ore 10:00
A: docenti@mailman.unipa.it,ricercatori@mailman.unipa.it,assegnisti@mailman.unipa.it,personale.ta@mailman.unipa.it,presidente@ersupalermo.gov.it
Cc: Direttore Generale <direttore.generale@unipa.it>,prorettorevicario@unipa.it,rettore <rettore@unipa.it>

Palermo, 10 aprile 2017

Alla Comunità universitaria

Martedì prossimo, 11 aprile 2017, presso l’aula Magna “Vincenzo Li Donni”, edificio 13, Campus Universitario in Viale delle Scienze, alle ore 10 l’arcivescovo di Palermo don Corrado Lorefice, in vista della Pasqua, celebrerà la Santa Messa per la comunità universitaria.
Ufficio del Cerimoniale – Staff del Rettore

-- 
-------------------------------------------------------
Ufficio del Cerimoniale – Staff del Rettore
Università degli Studi di Palermo
Complesso Monumentale dello Steri
Piazza Marina, 61  - 90133 Palermo
segreteria.cerimoniale@unipa.it
Telefono: 091-23893888-892-648-62416


Come si ricorderà, a febbraio l’Università di Palermo, nelle persone del Prof. Paolo Inglese, Direttore del Sistema Museale d’Ateneo, e del Magnifico Rettore Fabrizio Micari, aveva opposto il suo veto a una performance pastafariana (si badi bene, non un atto di culto, qual è invece la messa, ma un intervento con contraddittorio scientifico all’interno del Darwin Day 2017), rivendicando l’estraneità dei luoghi della Scienza alla “propaganda religiosa” (testuale).

Il Circolo UAAR di Palermo, pur rammaricandosi per i Pirati Pastafariani Palermitani, si era in quella occasione congratulato con l’Ateneo per la sua svolta laica.

Se non si tratta di un falso abilmente confezionato, l’email riportata sopra, firmata “Ufficio del Cerimoniale – Staff del Rettore” ed indirizzata a docenti, assegnisti di ricerca e personale amministrativo (la “comunità universitaria”), che annuncia in pompa magna una “Santa Messa di Pasqua” dell’arcivescovo Corrado Lorefice in Aula Magna per l’11 aprile alle 10 (in anteprima mondiale quindi, con ben 5 giorni di anticipo) autorizza ora ad ipotizzare un repentino avvicendamento al vertice con la sostituzione del Prof. Micari, o che lo “Staff del Rettore” operi all’insaputa di quest’ultimo, oppure, ma speriamo non sia questo il caso, che i seguaci del Prodigioso Spaghetto Volante siano stati ingiustamente discriminati, in palese violazione dell’art. 3 della Costituzione. Insomma che la propaganda sia sempre e solo quella degli “altri”.

Resta comunque il fatto gravissimo di un’oggettiva inversione ad U in senso clericale consumatasi in poco più di un mese.
E una domanda si leva dai pochi (?) laici superstiti nella “comunità universitaria”, che ritengono una grave violazione della libertà di coscienza incoraggiare in uno spazio lavorativo pubblico, per di più votato alla Scienza, iniziative confessionali nelle quali, inevitabilmente, “ci si conta” ostentando un’appartenenza: se i colleghi tenevano così tanto a celebrare la Pasqua con il loro amato pastore, non potevano farlo il giorno di Pasqua, appunto, fuori dall’orario di lezioni e dal campus ma dentro la Cattedrale, come tutto il resto del gregge?

Biotestamento in Piazza a Palermo

Il Circolo UAAR di Palermo, aderendo alla manifestazione nazionale #BioTestamento in piazza per vivere liberi fino alla fine promossa da Associazione Luca Coscioni, sabato 8 aprile dalle 17 alle 19 sarà in Piazza Politeama per tenere alta l’attenzione della cittadinanza e su questo tema importantissimo. Saranno fornite informazioni sulla Carta di Medici e Operatori sanitari, sul registro DAT del Comune di Palermo e sulle iniziative parlamentari in corso. Inoltre si inviteranno cittadine e cittadini alla tavola rotonda di giovedì 13 aprile A corpo libero – Sia Fatta la mia volontà, organizzata da UAAR con la partecipazione di Palermo pride, Associazione Luca Coscioni e Consulta di Bioetica Onlus, e che vedrà la partecipazione del Dott. Mario Riccio, già medico di Piergiorgio Welby.

[Evento Facebook]

Delibera di istituzione del registro DAT di Palermo

Modello Testamento Biologico

Atto di notorietà per iscrizione nel registro

Descrizione del servizio e istruzioni

Volantino #Biotestamento in piazza

Ci vediamo in piazza!

Riunione martedì 28 marzo prossimo

Martedì prossimo 28 marzo alle ore 19 torniamo a riunirci, stavolta finalmente nella nostra sede di via Matteo Bonello 39: dietro la cattedrale, di fronte al parcheggio Papireto, raggiungibile in auto nonostante la ZTL per grazia del vescovo ;).

Faremo il punto in vista dell’aprile di fuoco che ci aspetta:

  • 1 e 2 – Assemblea Circoli a Livorno
  • 6 – Convegno L’ora di Religioni e Filosofie – l’alternativa all’IRC
  • 13 – Manifestazione “A corpo libero – Sia fatta la mia volontà” su fine vita e laicità col dott. Mario Riccio, medico di Piergiorgio Welby
  • 22 e 23 – Nessun Dogma a “La via dei librai”

Evento Facebook

Con l’occasione ricordiamo che la sede è aperta ogni settimana nei seguenti orari: mercoledì e venerdì ore 9:15-11:15; giovedì ore 16-18.

A presto!

L’ora di religioni e filosofie

A quanti si interessano di didattica alternativa all’Insegnamento della Religione Cattolica – educatrici ed educatori, famiglie o semplicemente cittadine e cittadini responsabili: Il Circolo  UAAR di Palermo e i Cobas Scuola stanno organizzando per il 6 aprile 2017 una giornata di convegno-laboratorio (Evento Facebook) nel quale mettere a punto proposte operative, destinate alla scuola di ogni ordine e grado ma soprattutto alla primaria, dove spesso il tema è trascurato, nonostante l’importanza di sottrarre menti ancora acerbe ad indottrinamenti precoci, specie nei primissimi cicli che prevedono, paradossalmente, non una ma ben due ore di religione settimanali.

Motivazioni e obiettivi

Abbiamo osservato che anche in quegli istituti dove, magari dopo insistenze, pressioni e diffide, si garantisce il diritto e si reperisce l’insegnante da dedicare alla didattica alternativa (quasi sempre tra quelli meno “popolari” per i più svariati – e spesso nobili – motivi e che quindi hanno maggiore disponibilità oraria), i progetti, essendo considerati più un’incombenza che una priorità, risultino a volte abborracciati e poco utili o accattivanti, tanto che i destinatari a volte si chiedono se l’ora di religione non sarebbe meno noiosa.
Questo fenomeno è esacerbato dal fatto che spesso le lezioni di ora alternativa si rivolgono a uno o due alunni, ed essendo l’insegnante di religione spalmato su molte classi, risulta oggettivamente difficile soddisfare la richiesta, che pure viene avanzata, di accorparle per fascia d’età e ridurre l'”effetto ghetto“. E sì, se l’insegnante è particolarmente bravo e il progetto didattico ben ponderato, una lezione individuale può essere efficace come e più di una collettiva, ma generalmente un gruppo di dimensioni contenute è più stimolante del deserto, se non altro grazie alle interazioni orizzontali.

Infine, sempre nella scuola primaria ma non solo, registriamo l’esigenza di comunicare ai bambini elementi di cultura religiosa che nelle famiglie credenti o sedicenti tali sono dati per scontati, vista la volontaria sovraesposizione a molteplici agenzie d’indottrinamento (anche se, riscontriamo, con esiti sorprendentemente poveri per quanto attiene alle nozioni e ai riferimenti intertestuali effettivamente acquisiti), riconoscendone l’imprescindibilità per la decodifica della produzione letteraria e artistica, in larga parte influenzata dalla religione in quasi tutte le culture, e in quella europea spesso direttamente finanziata dalla chiesa cattolica come mezzo di propaganda.

Pertanto ci proponiamo l’obiettivo di realizzare un progetto di curriculum per la didattica alternativa nella scuola primaria, organicamente strutturato con il contributo di pedagogisti e cultori di materie filosofiche e storiche, che mitighi queste criticità e sollevi almeno in parte i “malcapitati” insegnanti prescelti dall’incombenza di “inventarsi” qualcosa per occupare i piccoli miscredenti. “Cultura religiosa e filosofica” il possibile titolo. Chiave di volta per la riuscita di quest’iniziativa sarebbe la realizzazione di un apposito supporto didattico, che potrebbe essere edito da Nessun Dogma, il progetto editoriale dell’UAAR, o da una casa editrice specializzata che ne abbia il coraggio: tale supporto, dato non trascurabile, potrebbe essere finanziato dal buono libri che attualmente spendibile a proprio arbitrio per la quota riguardante il “sussidiario” di IRC qualora l’allievo non se ne avvalga (qualcuno, per coerenza, ci compra libri di filosofia).

Il primo passo: il convegno di aprile

Quando: giovedì 6 aprile 2017.

Titolo: “L’ora di Religioni e Filosofie Verso un curriculum inclusivo per la didattica alternativa all’IRC”

Si rivolgerà prevalentemente ad insegnanti della scuola dell’obbligo ma anche famiglie e cultori delle discipline coinvolte, che nella mattinata potranno dibattere gli aspetti contenutistici e metodologici della proposta; nel pomeriggio strutturare i contenuti calandoli nella concretezza dei cicli scolastici: religioni comparate, filosofia per bambini, pratiche di meditazione e di consapevolezza corpo-mente. Il tutto in una cornice tecnica che guardi da un lato alla didattica inclusiva e alla promozione del rispetto reciproco attraverso la conoscenza e la comprensione, dall’altro all’interdisciplinarietà per la decodifica dei prodotti culturali ispirati a topoi religiosi, mitici, filosofici, ad esempio nelle arti figurative, nella musica, nella letteratura. Non trascureremo il quadro normativo, entro il quale ci vogliamo muovere con pragmatismo e realismo, pur senza astenerci dal criticare l’inopportunità e l’incostituzionalità de facto, anche se non de iure in un’aberrazione tutta italiana, dell’insegnamento privilegiato di una specifica confessione religiosa nella Scuola Pubblica Statale.

Alla fine della giornata dovrebbero essersi formati dei gruppi di lavoro che si daranno una scadenza a non più di 6 mesi per formulare, almeno in bozza, un progetto editoriale di sussidio didattico ed una presentazione-vademecum per l’adozione “chiavi in mano” o quasi nelle scuole come proposta di attività alternativa all’IRC, presumibilmente sotto il nome di “Cultura religiosa e filosofica (CREF)“.

Crediamo sia un obiettivo ambizioso ma realizzabile, con l’aiuto di tutti coloro che, come noi, lo reputano un passo necessario e non più rinviabile per sperare in un futuro di pacifica convivenza, in cui la compassione ed il riconoscimento dei diritti abbiano la meglio sull’imposizione violenta dei “valori non negoziabili” rivendicati dalla maggioranza di turno.

Programma – L’ORA di RELIGIONI e FILOSOFIE

L'Ora di Religioni e Filosofie 6/4/2017
Anteprima Locandina Convegno L’Ora di Religioni e Filosofie 6 Aprile 2017

Iscrizioni al convegno (con esonero per ATA, docenti e dirigenti).
Evento Facebook